Come e perché i commenti sono moderati

I lettori, previa moderazione, possono lasciare un commento sotto ad ogni singolo articolo.
Il sito permette e favorisce la pubblicazione di commenti ai suoi articoli ritenendo il dibattito che può svilupparsi intorno ad essi, online e non, una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti pubblicati e, più in generale, un momento di crescita del movimento italiano. Per tali motivi si prefigge di rendere la lettura e la partecipazione alla discussione un’esperienza positiva per tutti. I commenti sono pertanto pre-moderati, parzialmente, e post-moderati in ogni caso.
Vediamo cosa significa in dettaglio:

  1. La pre-moderazione, attuata automaticamente dal sistema che tiene in vita il sito, consiste nel mettere in una coda di pubblicazione quei commenti provenienti da utenti che mai in passato avevano inserito altri commenti (l’identificazione avviene mediante la compilazione dei campi Nome e Email, v. la nostra Privacy Policy). Anche commenti contenenti link a siti esterni possono essere posti per default nella coda di moderazione. In questi casi nel giro di qualche minuto o qualche ora, al limite, i commenti vengono controllati dalla redazione e sbloccati risultando quindi visibili a tutti.
  2. La post-moderazione, invece, riguarda quei commenti già pubblicati dal sistema (poiché provenienti da utenti riconosciuti) che non rispondono a criteri minimi di decoro, rispetto delle altrui idee e/o contengono termini o frasi che possono risultare offensive o diffamatorie nei confronti di altri soggetti.

In alcuni casi, gli articoli o i blog possono essere chiusi ai commenti – quando il loro contenuto comporti maggiori rischi di commenti inadeguati, quando l’autore lo richieda, o in altri casi a giudizio della redazione – o avere una moderazione totale dei commenti.

Criteri generali di pubblicazione

Sono suscettibili di rimozione, o di non pubblicazione, i commenti che contengano, nel testo o nel nome dell’autore:

  • indirizzi di siti web, soprattutto se non congrui o inviati a scopo promozionale (spam)
  • pubblicità di prodotti o servizi a fini di lucro
  • indirizzi email, numeri di telefono, indirizzi postali
  • termini volgari o offensivi
  • attacchi o valutazioni personali nei confronti dell’autore dell’articolo, o di altri
  • contenuti estranei ai temi trattati nell’articolo (off topic)
  • contenuti che sembrino poter offendere, provocare, umiliare qualcuno
  • contenuti razzisti, sessisti, omofobici o violenti
  • contenuti illegali o che predichino comportamenti illegali
  • informazioni false o ingannevoli sull’identità dell’autore
  • contenuti non in italiano (salvo eccezioni)
  • contenuti che possano costituire un pericolo per gli altri

Sono altresì suscettibili di rimozione, o di non pubblicazione, i commenti che provengano da utenze (nomi utenti o indirizzi IP) qualificabili come Spam, ovvero da cui giungano più di dieci commenti in un giorno.

La moderazione dei commenti permette ai lettori di partecipare alle discussioni senza timore di offese o intimidazioni da parte degli altri utenti e di stimolare e privilegiare le opinioni sui temi trattati e la loro qualità. In più, la moderazione limita i rischi che gli utenti – volontariamente o no – pubblichino contenuti che possano violare la legge e suscitare azioni legali di cui la nostra testata debba sopportare i costi.
Un utente che non veda pubblicato – o veda rimosso – il suo commento, può cercare la risposta nella lista dei criteri elencata. Laddove non vi trovi risposta, può scriverci per chiarimenti indicando esplicitamente a quale articolo e a quale commento faccia riferimento la richiesta.


Share This

Follow Us

    Cyber attacchi alle automobili, ecco tutti i danni che possono fare

    I veicoli di nuova generazione, connessi, ci espongono a rischi di privacy e sicurezza fisica. Possono spiare come guidiamo, dove andiamo, che diciamo, bloccare il veicolo, i freni. Ecco il quadro degli attacchi (Ddos, ransomware, trojan, sniffing...), come funzionano e i rischi L'articolo Cyber attacchi alle automobili, ecco tutti i danni che possono fare proviene da Agenda Digitale .

    21.Giu.2018


    GDPR, un primo bilancio del ruolo del DPO

    Tra fraintendimenti, difficoltà e sfide, il DPO ha cominciato a svolgere le sue funzioni nell'ambito delle nuove disposizioni introdotte dal GDPR. Proviamo a fare un primo resoconto degli oneri di questa nuova professione L'articolo GDPR, un primo bilancio del ruolo del DPO proviene da Agenda Digitale .

    21.Giu.2018


    PSD2: tutto quello che c’è da sapere su nuovi servizi, interchange fee, tutele per gli utenti

    Un articolo completo che spiega il Payment Legislative Package (PSD2 e IFR) in aggiornamento continuo a fronte del recepimento e dell’attuazione in Italia. Aggiornamento al 19 giugno 2018 L'articolo PSD2: tutto quello che c’è da sapere su nuovi servizi, interchange fee, tutele per gli utenti proviene da Agenda Digitale .

    21.Giu.2018


    Sblocco iPhone, Apple li ha “blindati”? Come stanno davvero le cose

    Per ostacolare le società in grado di sbloccare gli iPhone, come Cellebrite e GrayShift, Apple ha annunciato che la versione 12 del suo OS conterrà la modalità “USB Restricted Mode”. Come funziona, perché si è giunti a questa drastica contromisura e perché non è detto che sia la fine per l'accesso ai dati L'articolo Sblocco iPhone, Apple li ha “blindati”? Come stanno davvero le cose proviene da Agenda Digitale .

    20.Giu.2018


    Informativa Gdpr, a che serve: il senso che molti stanno ignorando

    Il principio di trasparenza con il Gdpr è il pilastro della nuova società digitale che l'Europa vuole costruire. E segna il passaggio dall'era del consenso privacy a quella del controllo offerto ai cittadini sui dati. Ecco le implicazioni, ignorate in questi giorni L'articolo Informativa Gdpr, a che serve: il senso che molti stanno ignorando proviene da Agenda Digitale .

    20.Giu.2018


    Gdpr